Reumatologia
OncologiaMedica.net
Mediexplorer

Lenta regressione della fibrosi epatica presunta da biomarcatori ripetuti dopo la cura virologica nei pazienti con epatite C cronica


L'epatite C cronica è una malattia virologica e fibrotica e le complicazioni possono verificarsi nei pazienti con risposta virologica sostenuta ( SVR ) con fibrosi residua.
A causa delle limitazioni di biopsie ripetute, nessuno studio ha valutato la dinamica della fibrosi prima e dopo il trattamento.

Utilizzando la biopsia come riferimento, FibroTest è stato convalidato come biomarcatore di progressione e regressione della fibrosi, con valori prognostici simili.
È stato stimato l'impatto della risposta virologica sostenuta sulla dinamica di fibrosi presunta mediante FibroTest.

In uno studio prospettico di coorte, il principale endpoint era la velocità di regressione della fibrosi a 10 anni, definita come una minima diminuzione di 0.20 al FibroTest, equivalente a uno stadio METAVIR F1.

In totale, sono stati inclusi 933 pazienti con FibroTest ed elastografia transitoria entrambi ripetuti.

A 10 anni, tra i 415 pazienti con fibrosi basale avanzata, il 49% dei 108 con risposta virologica sostenuta ha presentato una regressione, maggiore rispetto ai 219 non-responder ( 23%; P minore di 0.001 versus risposta virologica sostenuta ) e non-inferiore a quella degli 88 pazienti non-trattati ( 45%; P=0.39 vs risposta virologica sostenuta ).

In tutti i casi ( n=171 ) di risposta virologica sostenuta, la cirrosi è regredita in 24 pazienti su 43, ma si sono verificati 15 nuovi casi di cirrosi su 128 pazienti, che è una riduzione netta solo del 5.3% ( 9 su 171 ).

Si sono verificati 4 casi di tumore primario del fegato nei casi di risposta virologica sostenuta ( 4.6% ) e 13 nei non-responder ( 5.6%; P=0.07 ).

In conclusione, nei pazienti con epatite C cronica, come presunto dal FibroTest, la cura virologica è stata associata a una lenta regressione della fibrosi 10 anni più tardi, una deludente diminuzione del 5% dei casi di cirrosi e un restante 5% di rischio di tumore primario del fegato. ( Xagena2013 )

Poynard T et al, J Hepatol 2013; 59: 4: 675-683

Inf2013 Gastro2013



Indietro