Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Alta incidenza di danno miocardico tra i pazienti con infezione cronica da HCV


I pazienti con infezione cronica da virus dell’epatite C ( HCV ) presentano un’alta incidenza di difetti di perfusione del miocardio, che migliorano con il trattamento antivirale.

I ricercatori hanno eseguito registrazione elettrocardiografica ( ECG ), indagine ecocardiografica e scintigrafia miocardica di perfusione su 217 pazienti con infezione cronica da HCV e senza sintomi evidenti di malattia cardiaca per rilevare la presenza e la gravità del danno miocardico.

Duecento pazienti sono stati sottoposti a trattamento con Interferone ( IFN ) per 24 o 48 settimane, e sono stati valutati 2 settimane prima dell’inizio della terapia, e in seguito dopo 2 settimane e 6 mesi di terapia.

La risposta virale sostenuta ( SVR ) è stata definita come HCV-RNA non-rintracciabile 6 mesi dopo la fine del trattamento.

Il 9% dei pazienti nella coorte aveva ECG anormali, tra cui 15 casi di bradicardia sinusale e 5 casi di blocco di branca destro incompleto prima del trattamento con Interferone.

L’imaging scintigrafico di perfusione miocardica ha mostrato lesioni nell’87% dei pazienti, come rappresentato dai punteggi SS ( Symptom Severity score ) anomali.

Il punteggio HAI ( Histology Activity Index ), i livelli sierici di HCV RNA e la velocità di scomparsa del verde indocianina erano indipendentemente associati a un maggiore punteggio SS prima della terapia con Interferone mediante regressione lineare multipla ( P inferiore a 0.0001 per tutti ).

Tra i 200 pazienti che hanno completato il trattamento, la risposta virale sostenuta si è verificata in 92 pazienti e 57 hanno sperimentato recidive; i restanti pazienti sono stati considerati non-responder.
I partecipanti che hanno ottenuto SVR hanno mostrato un miglioramento significativo al punteggio SS dopo il trattamento e durante il follow-up ( p inferiore a 0.01 ).
I pazienti che hanno recidivato sono andati incontro a un miglioramento del punteggio SS durante il trattamento ( HCV RNA non-rintracciabile ), ma sono ritornati ai valori basali di punteggio SS durante il periodo di follow-up.
Nessun cambiamento significativo del punteggio SS si è verificato tra i non-responder.

I tassi di cambiamento dei punteggi SS dal basale sono risultati simili tra i pazienti che hanno ricevuto 24 e 48 settimane di terapia.
Le differenze nei cambiamenti dei punteggi SS in base alla risposta erano significativi per tutti i confronti, ad esclusione di quelli tra i pazienti che hanno presentato una recidiva e quelli che erano non-responder dopo 48 settimane di trattamento ( P=0.2382 ).

Questo studio è il primo a dimostrare una relazione tra infezione cronica da HCV e difetti di perfusione miocardica in un gran numero di pazienti.
Anche se sono necessari ulteriori studi per valutare l'esatta relazione tra infezione cronica da virus HCV e danno miocardico, lo studio ha indicato che l'infezione da HCV può svolgere un importante ruolo causale nella patogenesi del danno miocardico. ( Xagena2012 )

Fonte: Journal of Hepatology, 2012


Gastro2012 Inf2012 Cardio2012 Farma2012


Indietro