Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Effetto di una dieta a basso tenore di zucchero libero rispetto alla dieta usuale sul fegato grasso non-alcolico negli adolescenti


Le linee guida pediatriche per la gestione della steatosi epatica non-alcolica ( NAFLD ) raccomandano una dieta sana come trattamento.
La riduzione di cibi e bevande zuccherate è un trattamento plausibile ma non dimostrato.
Sono stati determinati gli effetti di una dieta a basso contenuto di zuccheri liberi ( zuccheri aggiunti a cibi e bevande e presenti naturalmente nei succhi di frutta ) nei ragazzi adolescenti con steatosi NAFLD.

È stato condotto uno studio clinico randomizzato di 8 settimane in aperto di ragazzi adolescenti di età compresa tra 11 e 16 anni con steatosi NAFLD istologicamente diagnosticata ed evidenza di malattia attiva ( steatosi epatica maggiore del 10% e livello di alanina aminotransferasi [ ALT ] maggiore o uguale a 45 U/L ) randomizzati a un gruppo dieta di intervento o a un gruppo dieta abituale presso 2 Centri di ricerca clinica accademici statunitensi dal 2015 al 2017.

La dieta di intervento consisteva nella pianificazione individualizzata del menu e nella fornitura di pasti per l'intera famiglia per limitare l'assunzione di zucchero libero a meno del 3% delle calorie giornaliere per 8 settimane.
Chiamate telefoniche bisettimanali hanno valutato l'aderenza alla dieta.
I partecipanti alla dieta usuale hanno consumato la loro dieta regolare.

L'esito primario era il cambiamento nella steatosi epatica stimata dalla misurazione della frazione di grasso con la risonanza magnetica a densità protonica tra il basale e le 8 settimane.
La minima differenza clinicamente importante è stata assunta pari al 4%.
Ci sono stati 12 esiti secondari, tra cui il cambiamento del livello di alanina aminotransferasi e l'aderenza alla dieta.

40 ragazzi adolescenti sono stati assegnati in modo casuale al gruppo di dieta di intervento o al gruppo di dieta abituale ( 20 per gruppo, età media 13.0 anni, la maggior parte ispanici, 95% ) e tutti hanno completato lo studio.

La diminuzione media della steatosi epatica dal basale alla settimana 8 è stata significativamente maggiore per il gruppo dieta di intervento ( dal 25% al ​​17% ) rispetto al gruppo dieta usuale ( dal 21% al 20% ), e la differenza media della settimana 8 aggiustata è stata del -6.23% ( P minore di 0.001 ).

Dei 12 esiti secondari prespecificati, 7 erano nulli e 5 erano statisticamente significativi, tra cui il livello di alanina aminotransferasi e l'aderenza alla dieta.

La diminuzione della media geometrica del livello di alanina aminotransferasi dal basale a 8 settimane è stata significativamente maggiore per il gruppo dieta di intervento ( da 103 U/l a 61 U/l ) rispetto al gruppo dieta abituale ( da 82 U/l a 75 U/l ) e il rapporto aggiustato della media geometrica alla settimana 8 era 0.65 U/l ( P minore di 0.001 ).

L'aderenza alla dieta è stata alta nel gruppo dieta di intervento ( 18 su 20 riportavano un consumo inferiore al 3% di calorie dallo zucchero libero durante l'intervento ).

Non ci sono stati eventi avversi legati alla partecipazione allo studio.

In questo studio condotto su adolescenti con steatosi NAFLD, 8 settimane di somministrazione di una dieta a basso contenuto di zuccheri liberi rispetto alla dieta abituale hanno portato a un miglioramento significativo della steatosi epatica.
Tuttavia, questi risultati dovrebbero essere considerati preliminari e sono necessarie ulteriori ricerche per valutare gli esiti clinici a lungo termine. ( Xagena2019 )

Schwimmer JB et al, JAMA 2019; 321: 256-265

Gastro2019 Pedia2019


Indietro