Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Efficacia della chemioembolizzazione transarteriosa selettiva nell'induzione di necrosi tumorale nei piccoli carcinomi epatocellulari


La chemioembolizzazione transarteriosa ( TACE ) è comunemente usata come terapia ponte per pazienti in attesa di trapianto di fegato e per indurre regressione del tumore in pazienti che inizialmente non soddisfacevano i criteri di Milano.

Lo scopo primario di uno studio è stato quello di analizzare se esiste una differenza tra chemioembolizzazione transarteriosa selettiva / superselettiva e lobare nel determinare la necrosi del tumore per mezzo di un'analisi patologica dell’intera lesione, al momento del trapianto di fegato.
L'obiettivo secondario era quello di indagare il rapporto tra le dimensioni del tumore e la capacità della chemioembolizzazione transarteriosa di indurre necrosi.

I dati sono stati ottenuti da un database prospettico di 67 pazienti consecutivi, sottoposti a trapianto di fegato per carcinoma epatocellulare e cirrosi nel periodo 2003-2009, e trattati esclusivamente con chemioembolizzazione transarteriosa come terapia ponte ( n=53 ) o per la regressione ( n=14 ).

Sono stati identificati 122 noduli; il 53.3% è stato trattato con chemioembolizzazione transarteriosa selettiva / superselettiva.

Il livello medio di necrosi istologica è stato del 64.7%; necrosi completa del tumore è stata ottenuta nel 42.6% dei noduli.

In confronto alla chemioembolizzazione transarteriosa lobare, la chemioembolizzazione transarteriosa selettiva / superselettiva ha portato a livelli medi di necrosi significativamente più alti ( 75.1% versus 52.8%, P=0.002 ) e a un tasso più elevato di necrosi completa ( 53.8% versus 29.8%, P=0.013 ).

Una relazione diretta significativa è stata osservata tra il diametro del tumore e il livello medio di necrosi tumorale ( 59.6% per lesioni inferiori a 2 cm, 68.4% per le lesioni di 2.1-3 cm e 76.2% per lesioni maggiori a 3 cm ).

La necrosi istologica è stata massima per i tumori di dimensioni maggiori a 3 cm: 91.8% dopo chemioembolizzazione transarteriosa selettiva / superselettiva e 66.5% dopo la procedura lobare.

Predittori indipendenti di necrosi completa del tumore sono stati chemioembolizzazione transarteriosa selettiva / superselettiva ( P=0.049 ) e il trattamento dei noduli singoli ( P=0.008 ).

Sessioni ripetute sono state più frequentemente necessarie per noduli trattati con chemioembolizzazione transarteriosa lobare ( 31.6% versus 59.3%, P=0.049).

In conclusione, la chemioembolizzazione transarteriosa selettiva / superselettiva ha avuto maggior successo rispetto alla procedura lobare nell'ottenere necrosi istologica completa, e la chemioembolizzazione transarteriosa è risultata più efficace nei tumori di 3-5 cm rispetto a quelli più piccoli. ( Xagena2011 )

Golfieri R et al, Hepatol 2011; 53: 1580-1589


Gastro2011 Chiru2011 Onco2011


Indietro