Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Efficacia della doppia terapia con Daclatasvir e Asunaprevir nei pazienti con infezione da HCV, difficili da trattare


La maggior parte dei pazienti con infezione da virus della epatite C cronica ( HCV ), ineleggibili o non-responder alla terapia a base di Interferone, possono trarre beneficio dalla terapia con Daclatasvir e Asunaprevir.

In uno studio in aperto di fase 2a, 43 pazienti di età compresa tra 20 e 75 anni, con infezione da HCV cronico, genotipo 1b, sono stati trattati per 24 settimane con doppia terapia orale con 60 mg ( una volta al giorno ) di Daclatasvir, un inibitore del complesso di replicazione NS5A, e 200 mg ( due volte al giorno ) di Asunaprevir, un inibitore della proteasi NS3.

La coorte comprendeva 21 responder nulli e 22 non-ammissibili o intolleranti a precedente terapia con PegInterferone-alfa e Ribavirina ( PegIFN-a/RBV ).

Trentasei partecipanti hanno completato la terapia.

A 4 settimane, più pazienti nel gruppo intolleranti / non-ammissibili hanno raggiunto livelli non-rilevabili di HCV RNA rispetto ai responder nulli, con riduzioni medie di RNA di 5.4 log 10 UI/mL nei pazienti intolleranti / non-ammissibili e 5.6 log10 UI/mL per i responder nulli.

Tutti i partecipanti avevano livelli non-rilevabili di HCV RNA dopo 8 settimane.

La risposta virologica sostenuta ( SVR ) a 12 e 24 settimane dopo il termine del trattamento si è verificata nel 76.7% dei pazienti ( 90.5% nel gruppo responder nulli e 63.6% nel gruppo intolleranti / non-ammissibili ).

Il breakthrough virologico si è presentato in 3 pazienti intolleranti / non-ammissibili, e 4 pazienti hanno presentato recidive dopo il trattamento.
Nessun responder nullo ha sperimentato recidiva o breakthrough virologico.

Non sono state osservate associazioni tra breakthrough o recidive e fattori tra cui sesso, genotipo IL28B, età, livello di HCV RNA al basale, stadio di fibrosi, e motivi per la precedente ineleggibilità al trattamento.

Gli eventi avversi più comuni, tutti in genere di grado lieve, sono stati: cefalea, rinofaringite, diarrea e incrementi di enzimi epatici ( ALT / AST ).
Cinque pazienti hanno presentato gravi eventi, e 3 hanno interrotto il trattamento per iperbilirubinemia o aumento delle transaminasi.

La duplice terapia orale con Daclatasvir e Asunaprevir ha prodotto rapida clearance di HCV RNA rilevabile, con alti tassi di risposta virologica sostenuta in due popolazioni di pazienti difficili da trattare.

Dallo studio è emerso che le infezioni da HCV genotipo 1b possono essere curate con Daclatasvir combinato con Asunaprevir, senza Interferone peghilato alfa e Ribavirina. ( Xagena2013 )

Fonte: Journal of Hepatology, 2013


Gastro2013 Inf2013 Farma2013


Indietro