Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Infezione da virus HCV: alto tasso di risposta con la triplice terapia tutta orale a base di Daclatasvir, Asunaprevir, e BMS-791.325


Una risposta virale sostenuta a 12 settimane ( SVR12 ) è stata osservata nel 89-94% dei pazienti trattati con diversi regimi che hanno combinato gli agenti antivirali sperimentali Daclatasvir, Asunaprevir, e BMS-791.325.

Due dei 66 pazienti arruolati nello studio sono andati incontro a gravi eventi avversi, ma un caso è stato giudicato non-correlato ai farmaci in studio, e l'altro si è verificato dopo che un paziente con breakthrough virale ( comparsa di malattia nel soggetto trattato ) ha continuato a ricevere i farmaci convenzionali anti-HCV.

Daclatasvir è un inibitore del complesso di replicazione NS5A, Asunaprevir è un inibitore della proteasi NS3, e BMS-791325 è un inibitore della polimerasi non-nucleosidica NS5B.

I pazienti precedentemente non-trattati sono stati assegnati a uno di quattro regimi, ognuno dei quali ha coinvolto Daclatasvir una volta al giorno e gli altri due agenti due volte al giorno.
Sono stati valutati due dosaggi di BMS-791.325 ( 75 e 150 mg ) e la durata del trattamento è stata di 12 o 24 settimane.

Quasi tre quarti dei pazienti presentava infezione da HCV genotipo 1a, mentre i rimanenti avevano infezione da HCV genotipo 1b.

Non sono ancora disponibili i tassi di SVR12 per i pazienti trattati con il regime terapeutico con 150 mg di BMS-791.325 per 24 settimane.
Per gli altri tre bracci, i tassi SVR12 sono stati i seguenti: BMS-791.325 a basso dosaggio, 12 settimane: 94%; BMS-791.325 a basso dosaggio, 24 settimane: 94%; BMS-791.325 ad alto dosaggio, 12 settimane: 89%.

Inoltre, i tassi SVR24 per i gruppi di trattamento con la bassa dose per 12 - e 24-settimane sono stati, rispettivamente, pari a 94% e 88%.
Nel gruppo a basso dosaggio, i pazienti trattati per 12 settimane hanno presentato un tasso SVR36 pari all’88%.

Tali dati provengono da una analisi intent-to-treat, che ha classificato tre pazienti che non sono riusciti a completare il follow-up come fallimento terapeutico.
Quando l'analisi è stata limitata a 28 pazienti per i quali erano disponibili i dati completi di post-trattamento, tutti i pazienti hanno incontrato i criteri SVR24 o SVR36.

Due pazienti, che entrambi hanno ricevuto il dosaggio più alto di BMS-791325, hanno presentato breakthrough virale.
Un altro paziente, in uno dei gruppi ad alto dosaggio, è andato incontro a una ricaduta dopo un iniziale trattamento di successo.

Gli eventi avversi più comuni, ciascuno riscontrato in almeno il 10% dei pazienti, sono stati: cefalea, astenia, diarrea e nausea. Nessuno di questi è stato considerato grave ad eccezione di un caso di cefalea di grado 3, che si è risolta in una settimana senza interrompere i farmaci in studio.
Sono stati osservati aumenti degli enzimi epatici e della bilirubina, ma nessuno ha raggiunto il grado 3 o 4.
Un caso di linfopenia si è verificato in un paziente con infezione da virus influenzale. ( Xagena2013 )

Fonte: European Association for the Study of the Liver ( EASL ), 2013

Gastro2013 Inf2013 Farma2013


Indietro