Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

La presenza e la gravità della steatoepatite non-alcolica è associata a specifici cambiamenti negli acidi biliari circolanti


Lo spettro istologico della steatosi epatica non-alcolica ( NAFLD ) comprende la steatosi epatica ( NAFL ) e la steatoepatite ( NASH ), che possono progredire a cirrosi fino al 20% dei pazienti con NASH.
Gli acidi biliari sono correlati alla patogenesi e alla terapia della NASH.

È stato caratterizzato il profilo degli acidi biliari nel plasma in NAFL e NASH, confermati dalla biopsia, ed è stato confrontato con i controlli.
Inoltre, è stato correlato il profilo degli acidi biliari nel plasma con le caratteristiche istologiche del fegato, l’attività di malattia e la fibrosi.

La cromatografia liquida / spettrometria di massa ha quantificato gli acidi biliari.
Su 86 pazienti ( 24 controlli, 25 NAFL e 37 NASH; età media 51.8 anni e indice di massa corporea [ BMI ] 31.9 kg/m2 ), il 66% erano donne.

NASH era caratterizzata da aumentati acidi biliari primari totali e ridotti acidi biliari secondari ( entrambi P minore di 0.05 ).

Gli acidi biliari primari, coniugati, totali sono risultati significativamente più alti in NASH rispetto a NAFL ( P=0.047 ) e rispetto ai controlli ( P minore di 0.0001 ).

NASH ha presentato maggiore Acido Chenodesossicolico coniugato rispetto a non-coniugato ( P=0.04 ), Acido Colico (P=0.0004) e acidi biliari totali primari ( P minore di 0.0001 ).

Il rapporto totale tra Acido Colico e Acido Chenodesossicolico è risultato significativamente più alto in NAFLD senza ( P=0.005 ) e con ( P=0.02 ) diabete.

Aumenti degli acidi biliari principali sono stati associati a gradi più alti di steatosi ( Taurocolato ), infiammazione lobulare ( Glicocolato ) e infiammazione portale ( Taurolitocolato ) e rigonfiamento degli epatociti ( Taurocolato ).

Acido Colico e Acido Taurocolico coniugati direttamente e secondariamente al rapporto tra acidi biliari primari sono risultati inversamente correlati al punteggio di attività NAFLD.
Un rapporto più elevato tra acidi biliari totali secondari e primari ( odds ratio, OR=0.57; P=0.004 ) e una maggiore quantità di Acido Colico coniugato hanno aumentato la probabilità di significativa fibrosi ( F maggiore o uguale a 2 ) ( P=0.007 ).

In conclusione, la steatosi epatica non-alcolica è associata a una composizione di acidi biliari circolante significativamente alterata, probabilmente non influenzata dal diabete mellito di tipo 2, e correlata con le caratteristiche istologiche della steatoepatite.
Queste osservazioni forniscono le basi per futuri studi basati sull'ipotesi di effetti specifici degli acidi biliari su aspetti specifici della steatoepatite. ( Xagena2018 )

Puri P et al, Hepatology 2018; 67: 534-548

Gastro2018



Indietro