Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

La terapia antivirale migliora la sopravvivenza nei pazienti con infezione da HBV e colangiocarcinoma intraepatico sottoposto a resezione epatica


L'impatto dell'infezione da virus dell'epatite B ( infezione da HBV ) sugli esiti dopo resezione del colangiocarcinoma intraepatico non è stato riportato.

Uno studio ha esaminato l'impatto della terapia antivirale sugli esiti di sopravvivenza dopo resezione epatica per i pazienti con colangiocarcinoma intraepatico e infezione da HBV alla base.

Sono stati analizzati i dati di 928 pazienti con infezione da colangiocarcinoma intraepatico e infezione da HBV, sottoposti a resezione epatica in due Centri medici tra il 2006 e il 2011.
Sono stati ottenuti dati sulla riattivazione virale, sulla recidiva del tumore, sulla sopravvivenza specifica al cancro ( CSS ) e sulla sopravvivenza globale ( OS ) e sono stati analizzati i tassi di sopravvivenza.

La riattivazione virale postoperatoria si è verificata nel 3.3%, 8.3% e 15.7% dei pazienti sottoposti a terapia antivirale preoperatoria, che non hanno ricevuto una terapia antivirale preoperatoria con un livello di HBV-DNA basso o alto ( inferiore o maggiore o uguale a 2.000 UI/ml ), rispettivamente ( P minore di 0.001 ).

Un alto livello virale e la riattivazione virale erano fattori di rischio indipendenti di recidiva ( hazard ratio, HR=1.22 e 1.34 ), sopravvivenza tumore-specifica ( HR=1.36 e HR=1.46 ) e sopravvivenza globale ( HR=1.23 e HR=1.36 ).

Recidiva a 5 anni, sopravvivenza cancro-specifica e sopravvivenza globale erano migliori nei pazienti sottoposti a terapia antivirale ( 70.5%, 46.3% e 43.0% ) rispetto ai pazienti che non avevano ricevuto terapia antivirale e presentavano un alto livello virale ( 86.5%, 20.9% e 20.5%; tutti P minore di 0.001 ), rispettivamente.

Le differenze di recidiva, sopravvivenza cancro-specifica e sopravvivenza globaled erano minime rispetto ai pazienti senza terapia antivirale e con un basso livello virale ( 71.7%, 35.5% e 33.5%, P=0.057, 0.051 e 0.060, rispettivamente ).

Rispetto ai pazienti con alto livello virale che non hanno ricevuto alcuna terapia antivirale, i pazienti che hanno iniziato una terapia antivirale prima o dopo l'intervento hanno presentato esiti a lungo termine migliori ( HR=0.44 e HR=0.54 per recidiva, HR=0.38 e HR=0.57 per CSS, HR=0.46 e HR=0.54 per OS, rispettivamente ).

In conclusione, la riattivazione virale è risultata associata a prognosi peggiore dopo resezione epatica per i pazienti con colangiocarcinoma intraepatico e infezione da HBV.
La terapia antivirale ha ridotto la riattivazione virale e la sopravvivenza prolungata a lungo termine per i pazienti con colangiocarcinoma intraepatico e livello virale alto. ( Xagena2018 )

Lei Z et al, J Hepatol 2018; 68: 655-662

Inf2018 Gastro2018 Onco2018 Farma2018


Indietro