Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Microsfere a rilascio di Doxorubicina e chemioembolizzazione transarteriosa convenzionale per il trattamento del carcinoma epatocellulare


La chemioembolizzazione transarteriosa è un trattamento ampiamente usato per il carcinoma epatocellulare.
Per massimizzare l'efficacia terapeutica, sono state sviluppate microsfere a rilascio di Doxorubicina per fornire dosi più elevate di agente chemioterapeutico e per prolungare il tempo di contatto con il tumore.

Uno studio ha valutato l'efficacia e la sicurezza della chemioembolizzazione transarteriosa con microsfere a rilascio di Doxorubicina ( DC-Bead ) rispetto alla chemioembolizzazione transarteriosa convenzionale.

In totale, sono stati arruolati 129 pazienti sottoposti a chemioembolizzazione transarteriosa nel periodo 2008-2011.

Sono stati confrontati i pazienti con epatocarcinoma sottoposti a chemioembolizzazione transarteriosa con microsfere a rilascio di Doxorubicina ( n=60 ) con controlli che hanno ricevuto chemioembolizzazione transarteriosa convenzionale ( n=69 ).

Gli endpoint primari erano la risposta al trattamento e gli eventi avversi correlati al trattamento.
L'endpoint secondario era il tempo alla progressione.

La risposta al trattamento nel gruppo con microsfere a rilascio di Doxorubicina è risultata significativamente superiore a quella del gruppo con chemioembolizzazione transarteriosa convenzionale ( P minore di 0.001 ).

Il tempo alla progressione è stato significativamente migliore nel gruppo con microsfere a rilascio di Doxorubicina, rispetto al gruppo con chemioembolizzazione transarteriosa convenzionale ( 11.7 e 7.6 mesi, rispettivamente, P=0.018 ).

L’analisi dei sottogruppi ha mostrato che nel carcinoma epatico in fase intermedia, il trattamento con microsfere a rilascio di Doxorubicina ha determinato una risposta al trattamento significativamente migliore e più lungo tempo alla progressione rispetto alla chemioembolizzazione transarteriosa convenzionale (P minore di 0.001 e 0.038, rispettivamente).

Tuttavia, non vi è stata alcuna differenza statisticamente significativa nella tossicità epatica tra gruppo con microsfere a rilascio di Doxorubicina e gruppo con chemioembolizzazione transarteriosa convenzionale ( P maggiore di 0.05 ).

In conclusione, la chemioembolizzazione transarteriosa con microsfere a rilascio di Doxorubicina ha mostrato una migliore risposta al trattamento e la progressione tumorale ritardata rispetto alla chemioembolizzazione transarteriosa convenzionale.
Non vi è stata alcuna differenza significativa nella tossicità epatica correlata al trattamento.
La chemioembolizzazione transarteriosa con microsfere a rilascio di Doxorubicina appare quindi come un approccio promettente per il trattamento del carcinoma epatocellulare. ( Xagena2012 )

Jun Song M et al, J Hepatol 2012; 57: 1244-1250

Onco2012 Gastro2012 Farma2012


Indietro