Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Pegbelfermin, un analogo del fattore 21 di crescita dei fibroblasti PEGilato, in pazienti con steatoepatite non-alcolica


Pegbelfermin, un analogo del fattore 21 di crescita dei fibroblasti ( FGF21 ) umani PEGilato, ha dimostrato in precedenza di migliorare i marcatori del metabolismo e della fibrosi epatica nei pazienti obesi con diabete di tipo 2.
In uno studio di fase 2a, sono state valutate la sicurezza e l'efficacia di Pegbelfermin nei pazienti con steatoepatite non-alcolica.

In uno studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, a gruppi paralleli, di fase 2a, sono stati reclutati adulti ( età 21-75 anni ) con un indice di massa corporea ( BMI ) di almeno 25 kg/m2, steatoepatite non-alcolica confermata da biopsia ( stadio di fibrosi 1-3 ) e una frazione di grasso epatico di almeno il 10% quando valutata mediante risonanza magnetica-densità protonica della frazione di grasso.

Questi pazienti sono stati arruolati da 17 Centri medici negli Stati Uniti. I pazienti eleggibili sono stati stratificati per stato del diabete di tipo 2 e sono stati assegnati in modo casuale a ricevere iniezioni sottocutanee di placebo una volta al giorno, 10 mg di Pegbelfermin una volta al giorno o 20 mg di Pegbelfermin una volta alla settimana, tutti per 16 settimane.

Gli esiti primari erano la sicurezza e il cambiamento assoluto nella frazione di grasso epatico dopo 16 settimane di trattamento.
Tutti i pazienti che sono stati assegnati in modo casuale a gruppi e hanno ricevuto il farmaco in studio o il placebo sono stati inclusi nelle analisi primarie.

Tra il 2015 e il 2016, 184 pazienti in sovrappeso o obesi con steatoepatite non-alcolica sono stati sottoposti a screening per l'inclusione nello studio.
Di questi, 95 ( 52% ) pazienti sono stati esclusi perché non rispondevano più ai criteri dello studio e 80 ( 43% ) pazienti sono entrati nella fase di lead-in del placebo.

Dopo ulteriori esclusioni, 75 pazienti ( 94% ) sono stati assegnati in modo casuale ai gruppi, hanno ricevuto almeno una dose di trattamento ( 25 pazienti hanno ricevuto Pegbelfermin 10 mg una volta al giorno, 24 pazienti hanno ricevuto Pegbelfermin 20 mg una volta alla settimana e 26 pazienti placebo ) e sono stati inclusi nell'analisi primaria.

Una analisi provvisoria prespecificata alla settimana 8 ha mostrato un cambiamento maggiore del previsto nell'esito primario e ha supportato la chiusura anticipata dell'arruolamento dei pazienti, poiché questa analisi indicava che non era necessaria la dimensione del campione pianificata.

È stata osservata una diminuzione significativa della frazione di grasso epatico assoluto nel gruppo trattato con 10 mg di Pegbelfermin al giorno ( -6.8% vs -1.3%; P=0.0004 ) e nel gruppo trattato con 20 mg di Pegbelfermin ogni settimana ( -5.2% vs -1.3%; P=0.008 ) rispetto al gruppo placebo.

La maggior parte degli eventi avversi è stata lieve; gli eventi più comuni sono stati diarrea in 8 su 49 pazienti ( 16% ) trattati con Pegbelfermina e 2 su 26 pazienti ( 8% ) trattati con placebo e nausea in 7 pazienti ( 14% ) trattati con Pegbelfermin e 2 pazienti ( 8% ) trattati con placebo.

Non ci sono stati decessi, interruzioni a causa di eventi avversi o eventi avversi gravi correlati al trattamento.

Pegbelfermin somministrato per via sottocutanea per 16 settimane è stato generalmente ben tollerato e ha ridotto significativamente la frazione di grasso epatico nei pazienti con steatoepatite non-alcolica.
Nuovi studi su Pegbelfermina sono giustificati nei pazienti con steatoepatite non-alcolica.
Ulteriori studi che utilizzano biopsie epatiche consentirebbero la valutazione degli effetti di Pegbelfermin sull'istologia epatica.
Inoltre, ulteriori studi dovrebbero consentire di valutare la sicurezza e l'efficacia di Pegbelfermin in un numero più ampio di pazienti. ( Xagena2018 )

Sanyal A et al, Lancet 2018; 392: 2705-2717

Gastro2018 Farma2018


Indietro