Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Sicurezza di Liraglutide ed efficacia nei pazienti con steatoepatite non alcolica


Gli analoghi di GLP-1 ( peptide-1 glucagone-simile ) riducono la steatosi epatica, le concentrazioni di enzimi epatici, e la resistenza all'insulina in modelli murini di steatosi epatica ( malattia del fegato grasso ).
Questi analoghi sono stati autorizzati per l’indicazione diabete mellito di tipo 2, ma la loro efficacia in pazienti con steatoepatite non-alcolica è sconosciuta.
E’ stata valutata la sicurezza e l'efficacia dell’analogo GLP-1 Liraglutide a lunga durata d'azione in pazienti con steatoepatite non-alcolica.

È stato condotto uno studio multicentrico, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, di fase 2, in quattro Centri medici del Regno Unito per valutare iniezioni sottocutanee di Liraglutide ( 1.8 mg al giorno ) rispetto al placebo nei pazienti in sovrappeso e con evidenza clinica di steatoepatite non-alcolica.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale stratificando per Centro di sperimentazione e stato del diabete.

Lo studio è stato progettato utilizzando il metodo a singolo gruppo di A'Hern, che ha richiesto 8 ( 38% ) su 21 successi nel gruppo Liraglutide per considerare clinicamente significativo l'effetto della Liraglutide.

L'endpoint primario era la risoluzione della steatoepatite non-alcolica definita senza peggioramento della fibrosi dal basale alla fine del trattamento ( 48 settimane ).

L'analisi ha incluso tutti i pazienti che sono stati sottoposti a biopsia a fine trattamento.

Tra il 2010 e il 2013, 26 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Liraglutide e 26 al placebo.

9 ( 39% ) pazienti su 23 che hanno ricevuto Liraglutide e hanno subito la biopsia epatica a fine trattamento hanno avuto risoluzione della steatoepatite non-alcolica definita contro 2 ( 9% ) pazienti su 22 nel gruppo placebo ( rischio relativo, RR=4.3; P=0.019 ).

2 ( 9% ) su 23 pazienti nel gruppo Liraglutide rispetto a 8 ( 36% ) su 22 pazienti nel gruppo placebo hanno presentato progressione della fibrosi ( 0.2; P=0.04 ).

La maggior parte degli eventi avversi è stata di gravità di grado 1 ( lieve ) o grado 2 ( moderata ), transitoria, e simile nei due gruppi di trattamento per tutte le classi di organi e dei sintomi, con l'eccezione dei disturbi gastrointestinali in 21 ( 81% ) dei 23 pazienti nel gruppo Liraglutide e 17 ( 65% ) dei 22 pazienti nel gruppo placebo, che ha incluso diarrea ( 10 pazienti, 38%, nel gruppo Liraglutide vs 5, 19%, nel gruppo placebo ), costipazione ( 7, 27%, vs nessuno ), e perdita di appetito ( 8, 31%, vs 2, 8% ).

Liraglutide è sicuro, ben tollerato, e ha portato alla risoluzione istologica della steatoepatite non-alcolica, garantendo studi approfonditi a più lungo termine. ( Xagena2016 )

Ruperto N et al, Lancet 2016; 387: 671-678

Endo2016 Gastro2016 Farma2016


Indietro