Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Valutazione della ipertensione portale attraverso elastografia transitoria in pazienti con cirrosi compensata e tumori epatici potenzialmente resecabili


I pazienti con cirrosi e carcinoma epatocellulare di piccole dimensioni con bilirubina normale e gradiente di pressione venosa epatica inferiore a 10 millimetri Hg hanno una sopravvivenza a 5 anni maggiore del 70% dopo resezione epatica.

Al contrario, i pazienti con gradiente di pressione venosa epatica maggiore o uguale a 10 mm Hg ( ipertensione portale clinicamente significativa ) sviluppano frequentemente scompenso dopo l'intervento, con circa il 50% di sopravvivenza a 5 anni.

La valutazione della rigidità del fegato tramite elastografia transitoria potrebbe identificare, in modo non-invasivo, l’ipertensione portale clinicamente significativa.

Un totale di 97 pazienti consecutivi Child-Pugh A con tumori epatici potenzialmente resecabili mediante misurazione del gradiente di pressione venosa epatica sono stati valutati in modo prospettico.
In condizioni di digiuno la rigidità del fegato è stata misurata prima dello studio emodinamico.

Il gradiente di pressione venosa epatica è risultato misurabile in tutti i pazienti, mentre non è stato possibile misurare la rigidità del fegato in 18 (18.5%) pazienti obesi.

Tra i 79 pazienti con rigidità del fegato valida, 32 ( 40.5% ) avevano ipertensione portale clinicamente significativa; il gradiente di pressione venosa epatica medio è stato di 8.8 millimetri Hg.

La rigidità del fegato media è stata di 18.4 kPa. La rigidità del fegato ha mostrato una correlazione moderata con il gradiente di pressione venosa epatica ( r=0.552; p minore di 0.001 ).

La rigidità del fegato inferiore a 13.6 kPa ha avuto alta sensibilità ( 91% ) ma bassa specificità ( 57% ) nell'escludere l’ipertensione portale clinicamente significativa.

Viceversa, la rigidità del fegato maggiore a 21 kPa ha avuto bassa sensibilità ( 53% ) e alta specificità ( 91% ) nel predire l’ipertensione portale clinicamente significativa.

Il 35% dei pazienti ha avuto rigidità del fegato tra 13.6 e 21 kPa ( zona grigia ).

In conclusione, questi dati suggeriscono che in scenari reali, la metà dei pazienti con noduli epatici potenzialmente resecabili può essere classificata in modo non-invasivo come avente o non-avente ipertensione portale clinicamente significativa in base alla rigidità del fegato.
Tuttavia, nella restante metà, la rigidità del fegato non è applicabile o è imprecisa. In quest'ultima popolazione il gradiente di pressione venosa epatica è ancora un metodo non-sostituibile per rilevare l’ipertensione portale clinicamente significativa. ( Xagena2012 )

Llop E et al, J Hepatol 2012; 56: 103-108


Gastro2012 Onco2012 Diagno2012



Indietro