Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Beta-bloccanti per prevenire lo scompenso della cirrosi nei pazienti con ipertensione portale clinicamente significativa: studio PREDESCI


Lo scompenso clinico della cirrosi è associato a prognosi sfavorevole. L’ipertensione portale clinicamente significativa ( CSPH ), definita da un gradiente di pressione venosa epatica ( HVPG ) maggiore o uguale a 10 mmHg, è il più forte predittore di scompenso.

E' stato valutato se l'abbassamento del gradiente di pressione venosa epatica con i beta-bloccanti possa ridurre il rischio di scompenso o morte nella cirrosi compensata con ipertensione portale clinicamente significativa.

Lo studio PREDESCI sui beta bloccanti per prevenire lo scompenso della cirrosi con ipertensione portale era uno studio clinico controllato in doppio cieco, randomizzato, condotto in 8 ospedali in Spagna.
Sono stati arruolati pazienti con cirrosi compensata e ipertensione portale clinicamente significativa senza varici ad alto rischio.
Tutti i partecipanti hanno subito misurazioni del gradiente di pressione venosa epatica con valutazione della risposta acuta di gradiente di pressione venosa epatica al Propranololo per via endovenosa.

I responder ( diminuzione del gradiente di pressione venosa epatica maggiore o uguale al 10% ) sono stati assegnati in modo casuale a Propranololo ( fino a 160 mg due volte al giorno ) rispetto a placebo e i non-responder a Carvedilolo ( 25 mg/die o meno ) rispetto a placebo.
Le dosi sono state determinate individualmente durante un periodo di titolazione in aperto.

L'endpoint primario era l'incidenza di scompenso della cirrosi ( definita come sviluppo di ascite, sanguinamento o encefalopatia conclamata ) o morte.
Poiché la morte nella cirrosi compensata è di solito non-correlata al fegato, è stata fatta una analisi intention-to-treat considerando le morti non-correlate al fegato come eventi in competizione.

Tra il 2010 e il 2013, sono stati valutati 631 pazienti e 201 sono stati assegnati in modo casuale.
101 pazienti hanno ricevuto placebo e 100 hanno ricevuto un trattamento attivo ( 67 Propranololo e 33 Carvedilolo ).

L'endpoint primario si è verificato in 16 pazienti su 100 ( 16% ) nel gruppo beta-bloccanti rispetto a 27 su 101 ( 27% ) nel gruppo placebo ( hazard ratio, HR=0.51, P=0.041 ).

La differenza era dovuta a una ridotta incidenza di ascite ( HR=0.44, P=0.0297 ).

L'incidenza complessiva di eventi avversi è stata simile in entrambi i gruppi. 6 pazienti di cui 4 nel gruppo beta-bloccanti hanno presentato eventi avversi gravi.

Il trattamento a lungo termine con beta-bloccanti potrebbe aumentare la sopravvivenza senza scompenso nei pazienti con cirrosi compensata e ipertensione portale clinicamente significativa, principalmente riducendo l'incidenza di ascite. ( Xagena2019 )

Villanueva C et al, Lancet 2019; 393: 1597-1608

Gastro2019 Cardio2019 Farma2019


Indietro