Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Chemioembolizzazione del carcinoma epatocellulare inoperabile: diminuzione della tossicità con le perle a lento rilascio di Doxorubicina


La chemioembolizzazione con Lipiodol ( TACE ) migliora la sopravvivenza dei pazienti selezionati affetti da carcinoma epatocellulare non-resecabile, ma è associata a tossicità.

Per migliorare la tolleranza al trattamento, è stato condotto uno studio di fase II con sfere a rilascio di Doxorubicina ( DC Bead ), veicolate mediante chemioembolizzazione arteriosa transcatetere selettiva ( TACE-DEB ).

Sono stati confrontati i risultati con quelli ottenuti con la TACE nei controlli storici del Dipartimento di Oncologia dell’Ospedale di Avezzano.

Trentacinque pazienti sono stati reclutati con diagnosi di epatocarcinoma.

I pazienti hanno ricevuto DEB-TACE con DC Bead a rilascio di Doxorubicina.

La tomografia computerizzata dell'addome superiore è stata eseguita un mese dopo DEB-TACE.

I controlli storici erano rappresentati da un gruppo di 70 pazienti con caratteristiche simili, trattati con TACE.

Dopo un periodo osservazionale mediano di 14.1 mesi ( range, 6-36 mesi ), 22 pazienti ( 63% ) hanno presentato una risposta obiettiva.

E’stata osservata una diminuzione statisticamente significativa degli enzimi epatici (p inferiore a 0,001 ), lattato deidrogenasi, ( p inferiore a 0.001 ) nei pazienti trattati con DEB-TACE, rispetto ai pazienti trattati con TACE.

Lo studio ha mostrato che DEB-TACE con sfere caricate con Doxorubicina, rappresenta un trattamento sicuro e affidabile per il carcinoma epatocellulare, ed è associato a una minore tossicità rispetto al TACE tradizionale. ( Xagena2012 )

Recchia F et al, Oncol Rep 2012; 27:1377-1383


Gastro2012 Onco2012 Farma2012


Indietro