Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

DKK1 sierica come biomarcatore proteico per la diagnosi di carcinoma epatocellulare


Uno studio ha valutato se la misurazione di Dickkopf-1 ( DKK1 ) sierica fosse in grado di migliorare l'accuratezza diagnostica per il carcinoma epatocellulare.

Sono stati analizzati i dati di pazienti con epatocarcinoma, infezione cronica da virus della epatite B ( HBV ), cirrosi epatica, arruolati in due Centri cinesi nel periodo 2008-2009.

Una coorte di validazione, accoppiata per età e sesso, è stata arruolata in un terzo Centro in Cina nel periodo 2010-2011.

La proteina DKK1 è stata misurata nel siero, con dosaggio ELISA, da ricercatori indipendenti che non avevano accesso alle informazioni cliniche dei pazienti.

Le curve ROC ( receiver operating characteristics ) sono state utilizzate per calcolare l’accuratezza diagnostica.

Nello studio sono stati valutati i livelli sierici di DKK1 in 831 partecipanti: 424 con carcinoma epatocellulare, 98 con infezione cronica da virus HBV, 96 con cirrosi e 213 controlli sani.

La coorte di validazione ha incluso 453 partecipanti: 209 con carcinoma epatocellulare, 73 con infezione cronica da HBV, 72 con cirrosi e 99 controlli sani.

I livelli sierici di DKK1 sono risultati significativamente più alti in pazienti con carcinoma epatocellulare, rispetto a tutti i controlli.

Le curve ROC hanno indicato come cut-off diagnostico ottimale una concentrazione di 2.153 ng/mL ( AUC, area sotto la curva, 0.848; sensibilità 69.1% e specificità 90.6%, nella coorte in studio, e AUC 0.862; sensibilità 71.3% e specificità 87.2%, in quella di validazione ).

Risultati simili sono stati osservati nel carcinoma epatico in stadio iniziale ( AUC 0.865; sensibilità 70.9% e specificità 90.5%, nella coorte in studio, e AUC 0.896; sensibilità 73.8% e specificità 87.2%, in quella di validazione ).

Inoltre, DKK1 ha mantenuto l'accuratezza diagnostica anche per i pazienti con epatocarcinoma negativo per alfa-fetoproteina ( AFP ) ( AUC 0.841; sensibilità 70.4% e specificità 90.0%, nella coorte in studio, e AUC 0.869; sensibilità 66.7% e specificità 87.2%, in quella di validazione ), inclusi pazienti con carcinoma epatocellulare in stadio iniziale ( AUC 0.870; sensibilità 73.1% e specificità 90.0%, nella coorte in studio, e AUC 0.893; sensibilità 72.2% e specificità 87.2%, in quella di validazione ), rispetto a tutti i controlli.

Concentrazioni più elevate di DKK1 nel siero hanno permesso di distinguere tra carcinoma epatocellulare e infezione cronica da HBV o cirrosi ( AUC 0.834; sensibilità 69.1% e specificità 84.7%, nella coorte in studio, e AUC 0.873; sensibilità 71.3% e specificità 90.6%, in quella di validazione ).

Inoltre, la misurazione congiunta di DKK1 e AFP ha migliorato l'accuratezza diagnostica del carcinoma epatocellulare versus tutti i controlli, rispetto a ciascun singolo esame ( AUC 0.889; sensibilità 73.3% e specificità 93.4%, nella coorte in studio, e AUC 0.888; sensibilità 78.5% e specificità 97.2%, in quella di validazione ).

In conclusione, la misurazione di DKK1 potrebbe essere complementare a quella di AFP nella diagnosi del carcinoma epatocellulare e aiutare a migliorare l'identificazione dei pazienti con carcinoma AFP-negativo e a distinguere il tumore da altre patologie croniche non-maligne del fegato. ( Xagena2012 )

Shen Q et al, Lancet Oncol 2012; 13: 817-826


Onco2012 Gastro2012 Diagno2012



Indietro