Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Efficacia comparativa delle strategie farmacologiche per la gestione della sindrome epatorenale di tipo 1


Sono stati studiati diversi farmaci per migliorare gli esiti dei pazienti con sindrome epatorenale, ma gli studi hanno riportato un'efficacia variabile.
È stata confrontata l'efficacia delle diverse strategie di gestione per la sindrome epatorenale di tipo 1.

In una revisione sistematica e meta-analisi sono stati selezionati studi randomizzati e controllati su adulti di età superiore a 18 anni con cirrosi scompensata e sindrome epatorenale di tipo 1 che hanno confrontato l'efficacia di farmaci vasoattivi attivi ( Terlipressina, Midodrina, Octreotide, Noradrenalina e Dopamina, da soli o in combinazione ) con placebo o tra di loro.

L'esito primario era la riduzione della mortalità a breve termine. Gli esiti secondari erano l'inversione della sindrome epatorenale, la recidiva della sindrome epatorenale dopo l'inversione iniziale e gli eventi avversi.

Sono stati identificati 13 studi randomizzati controllati condotti su 739 adulti con sindrome epatorenale di tipo 1.

Tutti i partecipanti hanno ricevuto terapia di supporto con Albumina.

Le evidenze di qualità moderata hanno supportato l'uso di Terlipressina rispetto al placebo per la riduzione della mortalità a breve termine ( odds rario, OR=0.65 ), mentre solo le prove di bassa qualità hanno supportato l'uso di Noradrenalina, Midodrina più Octreotide e Dopamina più Furosemide rispetto al placebo per ridurre la mortalità, e nessun odds ratio per nessuno dei confronti con il placebo è stato significativo.

Le prove di qualità moderata hanno supportato l'uso di Terlipressina rispetto a Midodrina più Octreotide ( OR=26.25 ) per invertire la sindrome epatorenale, con evidenze di bassa qualità a supporto dell'uso di Noradrenalina rispetto al placebo ( OR=4.17 ), e rispetto a Midodrina più Octreotide ( OR=10.00 ) per questo esito.

Una mediana del 16% di pazienti trattati con Terlipressina e del 33% di pazienti trattati con Noradrenalina con inversione della sindrome epatorenale ha avuto recidiva alla sospensione della terapia.

Una mediana dell'8% di pazienti trattati con Terlipressina ha richiesto l'interruzione della terapia a causa di gravi eventi avversi.

Terlipressina con Albumina può ridurre la mortalità a breve termine rispetto al placebo nei pazienti con sindrome epatorenale di tipo 1.
La Terlipressina con Albumina e Noradrenalina con Albumina sono entrambe superiori a Midodrina più Octreotide con Albumina per l'inversione della sindrome epatorenale.
Sono necessari studi clinici pragmatici di Terlipressina con Albumina per valutare l'efficacia e la sicurezza nel mondo reale nei pazienti con sindrome epatorenale di tipo 1. ( Xagena2017 )

Facciorusso A et al, Lancet Gastroenterol Hepatol 2017; 2: 94-102

Nefro2017 Gastro2017 Farma2017


Indietro