Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Efficacia di MK-5172 associato a Ribavirina nei pazienti con epatite C genotipo 1b


Un regime, libero da Interferone, costituito dall’inibitore della proteasi MK-5172 più Ribavirina ha prodotto alti tassi di soppressione virale nei pazienti con infezione da virus della epatite C ( HCV ) genotipo 1b.

Lo studio proof-of -concept ha incluso 26 partecipanti. Due pazienti hanno abbandonato lo studio. Due terzi erano uomini; la maggior parte era di razza bianca, con un’età media di 43 anni.
Dodici pazienti presentavano genotipo 1a e 14 genotipo 1b.
Sono state escluse le persone con epatite B o con co-infezione con il virus HIV.

I partecipanti a questo studio in aperto sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 100 mg una volta al giorno di MK-5172 più 800-1400 mg/die di Ribavirina in base al peso per 12 o 24 settimane.
Nei pazienti nel braccio 12 settimane che presentavano livelli di HCV RNA ancora rilevabili alla quarta settimana, la durata del trattamento è stata estesa a 24 settimane.

Otto dei 13 pazienti randomizzati a 12 settimane di terapia hanno presentato livelli non-quantificabili di RNA di HCV ( inferiori a 25 UI/mL ) alla 4.a settimana, e non hanno continuato il trattamento oltre le 12 settimane.

L’88% dei partecipanti trattati per 12 settimane ha presentato carica virale non-quantificabile a 4 settimane post-trattamento ( SVR4 ).

Alcuni pazienti hanno successivamente recidivato ( tasso SVR12 del 68% ): dei 3 pazienti con genotipo 1a, 2 hanno recidivato e 1 ha raggiunto SVR12; dei 5 pazienti con genotipo 1b, 1 ha recidivato e 4 hanno raggiunto SVR12.

Tra i 4 pazienti assegnati al braccio di 12 settimane che avevano livelli di HCV RNA rilevabili alla 4.a settimana e hanno continuato la terapia fino alla 24.ma settimana, 1 ha sperimentato breakthrough virale e 3 hanno raggiunto SVR4.

Tra i pazienti inizialmente randomizzati al trattamento di 24 settimane, il 73% ha raggiunto SVR4: dei 6 pazienti con genotipo 1a, 1 ha presentato breakthrough virale, 1 si è ritirato con livelli HCV RNA non-quantificabili, e 4 hanno raggiunto SVR4.
Dei 7 pazienti con genotipo 1b, 1 ha presentato breakthrough virale ( successivamente si è accertato avere la variante IL28B CT ), 1 si è ritirato con carica virale non-quantificabile alla fine del trattamento, e 5 hanno raggiunto SVR4.

MK-5172 più Ribavirina è risultato generalmente sicuro e ben tollerato, con un profilo di tollerabilità, simile a quello della sola Ribavirina.
Non ci sono stati eventi avversi gravi o di interruzione del trattamento per questo motivo.
Gli eventi avversi più comuni sono stati: cefalea, fatigue, anemia, disturbi gastrointestinali, nausea e insonnia. I livelli di alanina aminotransferasi ( ALT ) si sono normalizzati in tutti i pazienti con livelli elevati al basale.
Nove pazienti hanno presentato aumenti lievi e transitori della bilirubina.

Dallo studio è emerso che i pazienti con infezione da HCV genotipo 1a o genotipo 1b, trattati con l’associazione MK-5172 e Ribavirina hanno raggiunto una rapida e sostenuta soppressione di HCV RNA.
Dopo 12 settimane di trattamento, SVR12 è stato raggiunto in 4 su 5 ( 80% ) pazienti con genotipo 1b, ma solo in 1 su 3 ( 33% ) pazienti con genotipo 1a. ( Xagena2013 )

Fonte: 64th AASLD Liver Meeting, 2013

Inf2013 Gastro2013 Farma2013


Indietro