Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Efficacia e sicurezza della chemioembolizzazione transarteriosa più radioterapia a fasci esterni versus Sorafenib nel carcinoma epatocellulare con invasione vascolare macroscopica


I pazienti con carcinoma epatocellulare che mostrano invasione vascolare macroscopica hanno una prognosi infausta.
Sorafenib ( Nexavar ) è l'unica opzione di trattamento per questi pazienti, con risposta e beneficio in termini di sopravvivenza insoddisfacenti.
Il trattamento combinato con chemioembolizzazione transarteriosa ( TACE ) e radioterapia a fasci esterni ( RT ) ha mostrato risultati promettenti per questi pazienti in studi osservazionali.

Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di TACE più radioterapia rispetto a Sorafenib per i pazienti con carcinoma epatocellulare e invasione vascolare macroscopica in uno studio clinico randomizzato, in aperto, condotto nel periodo 2013-2016.
90 pazienti naive-al-trattamento con carcinoma epatocellulare confinato al fegato che mostravano invasione vascolare macroscopica sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Sorafenib ( 400 mg due volte al giorno, 45 partecipanti, gruppo Sorafenib ) o TACE ( ogni 6 settimane ) più radioterapia ( entro 3 settimane dopo la prima TACE, massimo 45 Gy con una frazione da 2.5 a 3 Gy; 45 partecipanti, gruppo TACE-RT ).

L'endpoint primario era il tasso di sopravvivenza libera da progressione a 12 settimane.
La risposta radiologica è stata valutata mediante una revisione indipendente in base ai criteri RECIST versione 1.1
Il crossover del trattamento è stato autorizzato dopo conferma della progressione della malattia.

Dei 90 pazienti ( età media, 55 anni ), 77 erano uomini e 13 erano donne. Tutti i pazienti presentavano invasione della vena porta del carcinoma epatocellulare e funzionalità epatica di classe Child-Pugh A.
Il diametro mediano massimo del tumore era di 9.7 cm.
La maggior parte dei pazienti ( 71, 78.9% ) presentava lesioni multiple.

Alla settimana 12, il tasso di sopravvivenza libera da progressione è risultato significativamente più alto nel gruppo TACE-RT rispetto al gruppo Sorafenib ( 86.7% vs 34.3%; P minore di 0.001 ).

Il gruppo TACE-RT ha mostrato un tasso di risposta radiologica significativamente più alto rispetto al gruppo Sorafenib a 24 settimane ( 15, 33.3%, vs 1, 2.2%; P minore di 0.001 ), un tempo di progressione mediano significativamente più lungo ( 31.0 vs 11.7 settimane; P minore di 0.001 ), e significativamente più lunga sopravvivenza globale ( 55.0 vs 43.0 settimane; P=0.04 ).

La resezione chirurgica curativa è stata condotta in 5 pazienti ( 11.1% ) nel gruppo TACE-RT a causa di un downstaging del tumore.

Nessun paziente nel gruppo TACE-RT ha interrotto il trattamento a causa dello scompenso epatico.

In conclusione, nei pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato che ha mostrato invasione vascolare macroscopica, il trattamento di prima linea con TACE più radioterapia è stato ben tollerato e ha fornito sopravvivenza libera da progressione, un tasso di risposta obiettiva, tempo alla progressione e sopravvivenza globale migliori rispetto al trattamento con Sorafenib. ( Xagena2018 )

Yoon SM et al, JAMA Oncol 2018; 4: 661-669

Onco2018 Gastro2018 Farma2018


Indietro