Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Gli anticoagulanti migliorano gli esiti nella trombosi della vena porta correlata alla cirrosi


Il trattamento anticoagulante ha condotto in modo sicuro ed efficace alla ricanalizzazione parziale o completa del sistema venoso portale in più della metà dei pazienti con cirrosi.

La trombosi venosa portale è una complicanza frequente nei pazienti con cirrosi, sebbene possa spesso rimanere asintomatica, almeno nella fase iniziale.
Tuttavia, la trombosi venosa portale è solitamente associata ad alcune importanti complicanze cliniche, incluso il peggioramento dell'ipertensione portale e della funzionalità epatica, e un aumento del rischio di soffrire di varici e di sanguinamento gastrointestinale.

Per esplorare la sicurezza del trattamento anticoagulante per la trombosi venosa portale, i ricercatori hanno esaminato retrospettivamente i dati di 81 pazienti con trombosi della vena porta correlata alla cirrosi che hanno ricevuto terapia anticoagulante e 101 pazienti che non hanno ricevuto alcun trattamento anticoagulante.

Quarantasei pazienti che hanno ricevuto l'anticoagulante hanno ottenuto una ricanalizzazione dopo una mediana di 5 mesi, 31 dei quali hanno ottenuto una ricanalizzazione completa e 15 hanno ottenuto una ricanalizzazione parziale.
Il tasso di ricanalizzazione era significativamente più alto tra coloro che avevano ricevuto l'anticoagulazione rispetto al gruppo non-trattato ( 56.8% vs 25.7%, P inferiore a 0.0001 ).

Diciassette pazienti trattati che hanno ottenuto una ricanalizzazione hanno presentato una recidiva di trombosi della vena porta dopo aver interrotto la terapia anticoagulante.

Non sono state osservate differenze significative nel tasso di complicanze emorragiche o di decessi entro 30 giorni da eventi emorragici tra i due gruppi.

In accordo con l'attuale letteratura, lo studio ha dimostrato che la terapia anticoagulante individualizzata nei pazienti cirrotici con trombosi venosa portale è sicura poiché gli eventi di sanguinamento non si verificano a tassi più elevati rispetto ai pazienti non-trattati e le complicanze emorragiche sono raramente ascritte alla stessa terapia anticoagulante.

Il trattamento con terapia anticoagulante ha dimostrato un tasso di sopravvivenza cumulativa significativamente più alto rispetto al gruppo non-trattato ( P = 0.01 ).
Inoltre, più pazienti non-trattati hanno richiesto il trapianto di fegato dopo la diagnosi di trombosi venosa profonda ( 17.8% vs 7.4%, P = 0.0476 ).

La trombosi venosa portale è una complicanza frequente nella cirrosi epatica, ma la sua storia naturale e la gestione terapeutica non sono ancora state chiaramente trattate da lineeguida internazionali.
Questo studio ha confermato che la ricanalizzazione della trombosi venosa profonda può verificarsi spontaneamente, ma è significativamente favorita dal trattamento anticoagulante. ( Xagena2018 )

Fonte: American Journal of Gastroenterology, 2018

Gastro2018 Farma2018


Indietro