Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Identificazione della osteopontina come nuovo marker per il carcinoma epatocellulare precoce


Uno studio ha identificato un biomarcatore in grado di migliorare la prestazione della alfa-fetoproteina ( AFP ) nella sorveglianza del carcinoma epatocellulare ( HCC ) tra i pazienti con cirrosi.

È stata eseguita l’analisi proteomica del plasma dei pazienti con cirrosi o carcinoma epatocellulare, e sono stati validati i candidati biomarcatori di carcinoma epatocellulare selezionati in due coorti geograficamente distinte per includere il carcinoma epatocellulare di differenti eziologie.

Il profilo della spettrometria di massa del plasma altamente frazionato da 18 pazienti con cirrosi e 17 pazienti affetti da carcinoma epatocellulare ha identificato la osteopontina come significativamente up-regolato nei casi di carcinoma epatocellulare, rispetto ai controlli con cirrosi.

I livelli di osteopontina sono stati successivamente valutati in 312 campioni di plasma prelevati da 131 pazienti affetti da carcinoma epatocellulare, 76 pazienti con cirrosi, 52 pazienti con epatite cronica C e B e da 53 controlli sani in due coorti indipendenti.

I livelli plasmatici di osteopontina sono risultati significativamente elevati nei pazienti con carcinoma epatocellulare, rispetto a quelli con cirrosi, epatite cronica C e B, o ai controlli sani, in entrambe le coorti.

L’osteopontina da sola o in combinazione con alfa-fetoproteina ha presentato una area sotto la curva ROC significativamente migliore, rispetto alla alfa-fetoproteina, nel confronto tra cirrosi e carcinoma epatocellulare in entrambi i gruppi.

La prestazione complessiva dell’osteopontina è rimasta superiore rispetto all’alfa-fetoproteina nel confronto tra cirrosi e i seguenti gruppi di carcinoma epatocellulare: carcinoma epatocellulare correlato a virus HCV, carcinoma epatocellulare associato a virus HBV e carcinoma epatocellulare precoce.

La osteopontina ha inoltre avuto una buona sensibilità nel carcinoma epatocellulare AFP-negativo.

In uno studio pilota prospettico che ha incluso 22 pazienti che hanno sviluppato carcinoma epatico durante il follow-up, l’osteopontina era già elevata 1 anno prima della diagnosi.

In conclusione, l’osteopontina è risultata più sensibile della alfa-fetoproteina per la diagnosi di carcinoma epatocellulare in tutti i gruppi di carcinoma epatocellulare studiati.
Inoltre, le prestazioni dell’osteopontina sono rimaste inalterate in campioni prelevati 1 anno prima della diagnosi. ( Xagena2012 )

Shang S et al, Hepatology 2012; 55: 483-490



Gastro2012 Onco2012 Diagno2012



Indietro