Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Il contributo del disturbo da consumo di alcol alla cirrosi scompensata nelle persone con epatite C


L'avvento di antivirali ad azione diretta ( DAA ) ha portato a obiettivi ambiziosi per l'eliminazione del virus dell'epatite C ( HCV ).
Tuttavia, nel contesto del disturbo da abuso di alcol, la capacità degli antivirali ad azione diretta di raggiungere questi obiettivi potrebbe essere compromessa.
È stato valutato il contributo del disturbo da consumo di alcol alla cirrosi scompensata correlata al virus HCV in tre ambiti.

Le notifiche di HCV dalla Columbia Britannica, Canada; Nuovo Galles del Sud, Australia; Scozia ( 1995-2011/2012/2013, rispettivamente ) sono state collegate ai ricoveri ospedalieri ( 2001-2012/2013/2014, rispettivamente ).
Il disturbo da alcol è stato definito come ricovero non-correlato al fegato dovuto all’uso di alcol.
Sono stati calcolati i tassi di incidenza di cirrosi scompensata standardizzati in base all’età, sono stati valutati i fattori associati e sono state calcolate le frazioni attribuibili alla popolazione ( PAF ) associate al disturbo da consumo di alcol.

Tra 58.887, 84.529 e 31.924 persone con HCV nella Columbia Britannica, nel Nuovo Galles del Sud e in Scozia, 2.689 ( 4.6% ), 3.169 ( 3.7% ) e 1.375 ( 4.3% ) avevano una diagnosi di cirrosi scompensata e il 28%, 32% e il 50% di quelli con cirrosi scompensata aveva un disturbo da uso di alcol, rispettivamente.

I tassi di incidenza di cirrosi scompensata standardizzati in base all’età sono stati considerevolmente più alti nelle persone con disturbo da uso di alcol nel Nuovo Galles del Sud e in Scozia.

La cirrosi scompensata è stata associata in modo indipendente al disturbo da alcol nella Columbia Britannica ( hazard ratio aggiustato, aHR=1.92 ), Nuovo Galles del Sud ( aHR=3.28 ) e Scozia ( aHR=3.88 ).

Le frazioni attribuibili alla popolazione della cirrosi scompensata correlata al disturbo da consumo di alcolici sono state rispettivamente del 13%, del 25% e del 40% nella Columbia Britannica, nel Nuovo Galles del Sud e in Scozia.

In conclusione, il disturbo da consumo di alcolici ha contribuito in maniera determinante al carico di epatopatia da HCV in tutti i contesti, più distintamente in Scozia.
La misura in cui l'uso di alcol comprometterebbe i benefici individuali e della popolazione della terapia con antivirali ad azione diretta deve essere attentamente monitorato.
I Paesi dovrebbero sviluppare strategie che combinino la promozione dell'assorbimento del trattamento con antivirali ad azione diretta con la gestione dei disturbi legati all'uso di alcolici, se vogliono raggiungere gli obiettivi di riduzione della mortalità per HCV della World Health Organization per il 2030. ( Xagena2018 )

Alavi M et al, J Hepatol 2018; 68: 393-401

Gastro2018 Inf2018



Indietro