Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

L'Acido Obeticolico riduce i livelli di fosfatasi alcalina e di bilirubina nella cirrosi biliare primaria


Uno studio di fase 3 ha mostrato che l'Acido Obeticolico riduce i livelli di fosfatasi alcalina e di bilirubina nei pazienti con colangite biliare primaria.
Tuttavia, i pazienti trattati con Acido Obeticolico hanno presentato una maggiore probabilità di soffrire di prurito.

L'Acido Obeticolico rappresenta un'alternativa per i pazienti che non sono in grado di tollerare l'Acido Ursodesossicolico ( Ursodiolo ).

La colangite biliare primaria, in precedenza denominata cirrosi biliare primaria, può progredire a cirrosi, con possibile esito fatale, nonostante la terapia con Ursodiolo.
L'Acido Obeticolico, un agonista del recettore X farnesoide, ha mostrato benefici nei pazienti affetti da questa malattia.

E’stato effettuato uno studio di fase 3, della durata di 12 mesi, che ha coinvolto 217 pazienti che avevano presentato una risposta inadeguata a Ursodiolo.
I pazienti hanno ricevuto placebo, 10 mg di Acido Obeticolico oppure 5 mg di Acido Obeticolico con un adeguamento a 10 mg, se applicabile.

L'endpoint primario era rappresentato da un livello di fosfatasi alcalina inferiore a 1.67 volte il limite superiore del range normale con una riduzione di almeno il 15% rispetto al basale, e da un livello di bilirubina totale normale.

I livelli di fosfatasi alcalina e della bilirubina sono correlati a un aumento del rischio di trapianto di fegato e di mortalità.

Il 93% dei pazienti ha ricevuto Ursodiolo e terapia di base.

L'endpoint primario è stato raggiunto dal 47% dei pazienti trattati con 10 mg di Acido Obeticolico, dal 46% del gruppo 5-10 mg e dal 10% del gruppo placebo ( P inferiore a 0.001 ).

La variazione del livello di fosfatasi alcalina è stata di -130 U per litro nel gruppo 10 mg, -113 U nel gruppo 5-10 mg e -14 U nel gruppo placebo ( P inferiore a 0.001 ).

La variazione del livello di bilirubina è stata pari a -0.02 mg per decilitro nel gruppo 10 mg, -0.05 mg nel gruppo 5-10 mg e 0.12 mg nel gruppo placebo ( P inferiore a 0.001 ).

Il prurito si è verificato nel 68% dei pazienti nel gruppo 10 mg, nel 56% del gruppo 5-10 mg e nel 38% del gruppo placebo.
Inoltre, gli eventi avversi gravi sono stati riscontrati nel 10% del gruppo 10 mg, nel 16% del gruppo 5-10 mg e nel 4% del gruppo placebo.

Dallo studio è emerso che l'Acido Obeticolico permette di ridurre in modo significativo i livelli di fosfatasi alcalina e di bilirubina totale.
Tuttavia, il trattamento è risultato associato a un’alta incidenza di prurito. ( Xagena2016 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2016

Gastro2016 Farma2016


Indietro