Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Orantinib versus placebo combinato con chemioembolizzazione arteriosa transcatetere in pazienti con carcinoma epatocellulare non-resecabile: studio ORIENTAL


Orantinib è un inibitore multi-chinasi orale. È stata valutata l'efficacia di Orantinib combinato con chemioembolizzazione arteriosa transcatetere convenzionale ( cTACE ) in pazienti con carcinoma epatocellulare non-resecabile.

Lo studio di fase III, randomizzato e controllato con placebo, in doppio cieco, ORIENTAL è stato condotto in 75 Centri in Giappone, Corea del Sud e Taiwan.
I pazienti con carcinoma epatocellulare non-resecabile, senza diffusione extraepatica del tumore e punteggio Child-Pugh di 6 o meno sono stati assegnati casualmente a ricevere Orantinib oppure placebo entro 28 giorni da cTACE.

La randomizzazione è stata stratificata per regione, punteggio Child-Pugh ( 5 vs 6 ), concentrazione di alfa-fetoproteina ( inferiore a 400 ng/ml vs maggiore o uguale a 400 ng/ml ) e dimensione della lesione più grande ( inferiore o uguale a 50 mm vs superiore a 50 mm ).
Orantinib a 200 mg, due volte al giorno, o placebo, sono stati somministrati per os fino a fallimento di TACE o a tossicità inaccettabile.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale, analizzata nel set completo di analisi ( pazienti che avevano ricevuto almeno una dose di farmaco in studio ).

Tra il 2010 e il 2013, 889 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Orantinib ( 445 pazienti, 444 trattati ) oppure placebo ( 444 pazienti, tutti trattati ).

Lo studio è terminato all’analisi ad interim per la valutazione di futilità.

Il follow-up mediano è stato di 17.3 mesi.

Non vi è stato alcun miglioramento della sopravvivenza globale con Orantinib rispetto al placebo ( mediana 31.1 mesi vs 32.3 mesi; hazard ratio, HR=1.090; P=0.45 ).

I principali eventi avversi nel gruppo Orantinib sono stati edema, ascite e aumento dell'aspartato e della alanina aminotransferasi.

Gli eventi avversi più frequenti di grado 3 o superiore nel gruppo Orantinib hanno incluso aspartato aminotransferasi [ AST ] elevata ( 189 pazienti nel gruppo Orantinib, 43%, 161 pazienti nel gruppo placebo, 36% ), elevata alanina aminotransferasi [ ALT ] ( 150 pazienti nel gruppo Orantinib, 34%, 132 pazienti nel gruppo placebo, 30% ) e ipertensione ( 47 pazienti nel gruppo Oratinib, 11%, 39 pazienti nel gruppo placebo, 9% ).
Eventi avversi gravi sono stati riportati in 200 pazienti ( 45% ) nel gruppo Orantinib e 134 pazienti ( 30% ) nel gruppo placebo.

Orantinib combinato con cTACE non ha migliorato la sopravvivenza globale nei pazienti con carcinoma epatocellulare non-resecabile. ( Xagena2018 )

Kudo M et al, Lancet Gastroenterol Hepatol 2018; 3: 37-46

Onco2018 Gastro2018 Farma2018


Indietro