Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Sicurezza ed efficacia di Peginterferone alfa-2a più Ribavirina in pazienti con epatite C cronica, sottoposti a trapianto renale


La terapia a base di Interferone ( IFN ) nei soggetti con infezione cronica da virus dell'epatite C ( HCV ) e trapianto renale è stata associata a un alto rischio di rigetto acuto e scarsa efficacia.
Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia di PegIFNalfa-2a e Ribavirina ( RBV ) in combinazione nei pazienti con infezione da HCV e trapianto di rene.

Sono stati reclutati 32 pazienti adulti con trapianto renale da più di 12 mesi, con infezione da HCV genotipo 1 ( 62.5% ) e 4 ( 37.5% ) e con significativa fibrosi ( Metavir maggiore o uguale a F2 ) in uno studio in aperto con PegIFNα-2a 135-180 mcg/settimana, più Ribavirina 200-1200 mg/die per 48 settimane, sulla base del tasso di filtrazione glomerulare stimato.

Sono state effettuate valutazioni di sicurezza settimanalmente per 4 settimane, ogni 2 settimane per 8 settimane e ogni 6 settimane per 36 settimane.

Gli endpoint dello studio erano la risposta virologica sostenuta ( SVR ) o lo sviluppo di rigetto acuto.

Le biopsie del trapianto sono state eseguite per un aumento del 20% della creatinina dai livelli di pretrattamento, o facoltativamente alla settimana 12 con il protocollo di sorveglianza.
La sicurezza renale è stata confrontata con controlli non-trattati abbinati ( n=31 ).

Nessuno dei pazienti trattati ha mostrato rigetto acuto quando è stato sottoposto a biopsia per la creatinina aumentata ( 12.5% ) o durante la sorveglianza ( 37.5% ), con aumenti della creatinina incrementali e sostenuti che si sono verificati nel 6.3% dei pazienti trattati e nel 16.1% dei controlli non-trattati ( P=0.148 ) secondo la valutazione alla settimana 72.

Il pretrattamento medio e la creatinina a fine valutazione nei pazienti trattati sono rimasti simili ( 106.8 vs 113.4, rispettivamente, P=0.140 ), mentre i livelli sono aumentati in modo significativo nei controlli ( 106.6 vs 142.5, rispettivamente; P=0.013 ).

La risposta virologica precoce ( EVR ) rapida e la risposta virologica sostenuta si sono verificate, rispettivamente, nel 12.5%, 56.3% e 37.5% dei casi.

La risposta virologica sostenuta è stata simile in entrambi i genotipi ( P=1.000 ).

Riduzioni della dose di PegIFN e Ribavirina sono state richieste, rispettivamente, nel 34.4% e 78.1% dei casi; l'interruzione è stata richiesta nel 12.5% dei casi.

Solo la risposta virologica precoce ( odds ratio, OR=20.4; P=0.008 ) è stata identificata come un predittore indipendente di risposta virologica sostenuta.

In conclusione, la terapia PegIFN / RBV non è associata a rigetto acuto nei pazienti con trapianto renale a basso rischio di rigetto, ma ha modesta efficacia nel trattamento di dell'epatite C. ( Xagena2013 )

Sanai FM et al, J Hepatol 2013; 58: 6: 1096-1103

Gastro2013 Inf2013 Farma2013


Indietro